EVENTI

150 150 Bruno

BRESCIA WINTER FILM 2016

Il “Brescia Winter Film ” è una rassegna di film di avventura e di montagna selezionati tra le migliori produzioni nazionali e internazionali. Il progetto consente agli appassionati e ai curiosi di ammirare immagini mozzafiato e ascoltare storie affascinanti.

Brescia Winter Film 2016

Brescia Winter Film 2016

Il BWF è un festival  itinerante che raggiunge diverse località alpine. A Brescia è divenuto di casa essendo arrivato alla settima edizione. Quest’anno andrà in scena un festival dal programma articolato capace di accontentare gli amanti dell’avventura e della montagna. Si tratta di un festival small, ricercato  dai migliori e più preparati registi di film sulla montagna e sulla natura, come appuntamento dove far convergere i propri lavori migliori, un banco di confronto senza giurie dove tutto è lì da vedere.

Brescia Winter Film 2016

Brescia Winter Film 2016

Niente voti, niente podi, niente classifiche! Solo immagini di pura montagna per occhi assetati di avventura. I delusi da post «Everest», ultimo kolossal in materia, avranno di che gioire.

Questa del 2016 sarà la settima edizione di  una manifestazione culturale come sempre realizzata dall’associazione «Gente di montagna», grazie al supporto di Aku Trekking & Outdoor e ad una serie di numerose collaborazioni, a partire da Comune di Brescia, Cai Bergamo, Museo Diocesano di Brescia, Zona Alpi Brescia, Associazione il Capannone, Alture Festival, Mystic Freeride.

La montagna diventa il veicolo che consente a ognuno di noi di valutare il proprio limite. Dal trionfo visivo dei paesaggi, al freddo purificatore della Natura padrona e incontrastabile il filo conduttore sarà il racconto della vita in montagna, quella quotidiana, fatta di piccole conquiste, grandi fatiche, contraddizioni e tradizione. Straordinarie storie di ordinarie persone che hanno scelto le terre alte per la loro esistenza.

Ecco i film in programma………e buona visione!

 

150 150 Bruno

MADE IN MALGA 2016: la rassegna nazionale dei formaggi di montagna. Asiago capitale delle malghe alpine.

Made in Malga '16 immmagine

La Malga è il simbolo di un arte antica, quella di fare il formaggio. E’ il luogo della cultura alpina fatta di tradizione dove le fatiche dell’uomo e la natura incontaminata danno vita a formaggi delicati, freschi, saporiti, stagionati. Tutti tra loro diversi, tutti accomunati da un latte nobile frutto dell’alpeggio”.

Fra un mese la città di Asiago e le sue vie accoglieranno la 5^ edizione di MADE IN MALGA, l’evento di caratura nazionale che ha come scopo quello di valorizzare i prodotti di montagna. Per quattro interi giorni Asiago sarà la capitale delle Malghe.

Il formaggio di malga e i caseifici di montagna saranno il filo conduttore dell’intera manifestazione che si snoderà attorno ad un circuito che vede partecipare anche le attività commerciali di Asiago.

Ad ogni attività commerciale verrà abbinato un produttore o una malga; ogni attività commerciale diventerà luogo di degustazione ed incontro. Vi sarà, dunque, un percorso a tappe dove il pubblico potrà scoprire, assaggiare ed acquistare i formaggi proposti nonché vivere un’esperienza sensoriale ad “alta quota”.

Mi potete trovare con Zona Alpi – La Malga in città al punto 64 c/ lo Sporting Residence Hotel Asiago in P.zza G.B. Pertile dove potrete degustare il NOSTRANO VALTROMPIA DOP.

Made in Malga 2016

MADE IN MALGA logo 2016 (1)

150 150 Bruno

CORSO PER CASARO DI MONTAGNA

 Ecco un bel corso per chi ama il formaggio o meglio, per chi vuole imparare a fare il formaggio.  Si tratta del  “2° Corso base per casaro di montagna” che si svolgerà dal 4 al 13 novembre 2014 a Graticelle, frazione del Comune di Bovegno (BS), presso il locale Caseificio Sociale. Il corso è stato progettato e realizzato dall’ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricultura e alle Foreste)  in collaborazione con la Scuola Agraria del Parco di Monza. Obbiettivo del corso è quello di fornire ai partecipanti  le tecniche base di caseificazione, coniugando la tradizione con l’innovazione. In particolare i temi trattati riguarderanno la valorizzazione delle risorse foraggere di montagna, l’igiene e la sicurezza in caseificio, le attrezzature ed i materiali per la caseificazione, la qualità del latte, i difetti visivi sensoriali e le azioni correttive sulla produzione dei formaggi, la conservazione dei prodotti caseari e molto altro ancora.

 

Locandina del corso

Locandina del corso

>http://www.montagnedivalgrigna.it/news/al-via-il-2-corso-base-per-casaro-di-montagna/

150 150 Bruno

CAMPIONATO DEL MONDO DI MUNGITURA A MANO

campionato del modo

150 150 Bruno

FORMAGGIAI CONTRO LA CRISI

 

cheesemonger_invitational_2012_greenpointers[1]

In Italia il 40% circa dei ragazzi under trenta non trova un lavoro, nemmeno come precario. In un simile contesto bisogna inventarsi qual’cosa? E cosa, Voi direte. Sentite qua!

Potrà sembrare strano ma in America, ogni estate si svolge il Cheesemonger Invitational, ossia una sorta di olimpiade a cui partecipano coloro che lavorano dietro i banchi di formaggio dei negozi all’upo specializzati.  Questi si mettono in gioco per ottenere il titolo di campione dei formaggiai. Si, avete capito bene, campione dei formaggiai. Per noi italiani pare  fantascienza eppure i formaggi e i formaggiai non ci mancano. Forse, non è che il mondo del formaggio italiano abbia bisogno di un ricambio generazionale? Vi invito, infatti, a collegarvi al sito >http://cheesemongerinvitational.com e a guardare le faccie dei giovani partecipanti. 

Un simile evento può essere spunto per nuove forme di occupazione? Io penso di sì.

Penso anche che simili eventi servano a rendere più stiloso, per non dire trendy, l’argomento formaggio con la conseguenza che, magari, qualche giovane in più si affaccia al settore. Quanto dico è supportato dal fatto che oggigiorno sono sempre più di moda i c.d. cheese-bar ovvero bar-formaggerie dove poter acquistare ma anche gustare del buon formaggio accompagnato da un bicchiere di vino o da un cocktail. Anche dal punto di vista della formazione si stà lavorando; basti pensare all’ Università del gusto di Pollenzo (quella di Slow Food per intenderci) che nel 2015 darà il via al primo Master per affinatori di formaggi.

Ecco dunque come vecchi mestieri e nuove tendenze possono tra loro costituire il mix giusto per combattere la crisi.